Home  >  Servizi  >  Disinfestazioni  >  Disinfestazione Termiti

Disinfestazione Termiti

La lotta alle termiti è piuttosto ardua. L’identificazione della specie e le relative procedure di intervento devono essere accurate e studiate nel dettaglio perché il rischio di ottenere risultati inefficaci è alto.

Indice dei contenuti

Termiti del legno secco

(Kalotermes flavicollis – Cryptotermes brevis)

Obiettivo e strategia: l’obiettivo che ci si prefigge è sicuramente l’eliminazione della colonia attraverso l’individuazione del nido e l’eliminazione dei reali.

Lotta chimica: la procedura si basa sostanzialmente nell’impiegare formulati abbattenti/residuali ad effetto ritardato attraverso tecniche quali: spennellatura sulla superficie, ed iniezioni all’interno, della struttura da trattare.

Gas tossici: strategia di lotta che si basa sempre sul controllo chimico. Vengono impiegati gas tossici in tutta la struttura che viene sigillata per evitare fughe di gas.

Calore: attraverso dei macchinari specifici, viene innalzata la temperatura dell’area da trattare fino ad una temperatura definita “critica” grazie alla quale si riescono a controllare tutti gli stadi dell’infestante.

Microonde: tecnica che sfrutta le onde elettromagnetiche per generare calore portando a temperature letali i vari stadi dell’infestante.

Interventi strutturali: dopo la disinfestazione è consigliabile chiudere eventuali vie di accesso ad una possibile recidiva e riparare i danni effettuati dall’infestante.

Termiti del terreno

(Reticulitermes lucifugus – Reticulitermes urbis)

Obiettivo e strategia: l’obiettivo che ci si prefigge è sicuramente l’eliminazione della colonia attraverso una presa di contatto con la colonia e l’eliminazione dei reali.

Lotta chimica: si effettuano dei trattamenti con formulati chimici a basso dosaggio e senza tecnologie repellenti contenenti una sostanza attiva ad effetto ritardato costituendo delle “barriere chimiche”. Queste iniezioni vengono effettuate:

  • nel terreno, più vicino possibile al muro
  • nei muri a contatto con il terreno e in corrispondenza di elementi lignei

In sinergia con questo approccio vengono utilizzate anche le tecniche di spennellatura ed iniezioni con formulati preservanti

Esche alimentari: è una strategia basata sull’utilizzo di esche alimentari formulati con IGR antichitinizzante con l’obiettivo di prendere contatto con la colonia e “foraggiarla”. Si sfrutta quindi il comportamento attuato dalla termite operaia che con la “trofallassi” nutre gli altri individui della colonia. L’eliminazione della colonia è operata quindi dalle termiti stesse che involontariamente collaborano alla distribuzione del principio attivo.

Zanzara Aedes e rischio febbre gialla, scopri come proteggerti!

Il Ministero della Salute ha rilasciato una circolare che offre consigli pratici e misure preventive per limitare il rischio di infezioni da zanzare durante eventi sportivi e altre attività all’aperto.

PREVIENI LA DIFFUSIONE
CON MARIPOSA DISINFESTAZIONI